Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

IL SESSANTOTTO IN VERSILIA E OLTRE

Contenuto in: 

Gli alunni delle classi III A e V A e i professori Roberto Coluccini e Melania Giannotti del Liceo Scientifico Chini-Michelangelo hanno partecipato nel mese di ottobre al progetto organizzato dall’Associazione culturale “Rolando Cecchi Pandolfini”, in sei incontri serali, sul tema “Il Sessantotto in Versilia e oltre”. Le conferenze hanno avuto luogo a Pietrasanta, presso la sede della Croce Verde.

Per comprendere meglio le dinamiche del cambiamento epocale determinato da quel movimento, sono stati presi in considerazione vari aspetti del Sessantotto attraverso l’analisi di film, canzoni e libri, presentati sia da esperti in materia sia da chi li ha vissuti sulla propria pelle. In particolare, la riflessione ha avuto come punti d’avvio la visione del film “Assalto al cielo” di Francesco Munzi, la conferenza del prof. Fanelli (Università di Firenze) sulla canzone “Mio caro padrone domani ti sparo” di Paolo Pietrangeli e la presentazione del libro “L’infanzia delle stragi. Il caso Lavorini”, che ha visto la partecipazione degli autori, Roberto Bernabò e Corrado Benzio.

Durante gli anni Sessanta la ricerca di cambiamento si è espressa sia tramite manifestazioni pacifiche sia attraverso la violenza: quest’ultimo aspetto è stato argomento delle conferenze riguardanti il caso Lavorini, le manifestazioni del Movimento Studentesco all’ Università di Pisa e la notte di contestazione e violenza durante il 31 dicembre di cinquant’anni fa alla Bussola di Focette. Tra i relatori, i docenti universitari proff. Lenci e Michelucci, G. Rebechi, presidente dell’associazione “Rolando Cecchi Pandolfini”, e Marco Montemagni, esponente del Movimento Studentesco a Viareggio nel Sessantotto.

L’esperienza in generale è stata accolta con piacere da tutti gli alunni partecipanti, che hanno particolarmente apprezzato il documentario “Assalto al cielo”, definendolo crudo ma interessante, in quanto tramite materiale d’archivio ricostruisce le lotte politiche giovanili dell’epoca; inoltre, gli intervistati hanno trovato coinvolgenti le canzoni di protesta, evocative dell’atmosfera che si poteva “respirare” in quegli anni.

In conclusione, si può affermare che quello proposto è stato un progetto con riscontri positivi nel pubblico, che ha portato a riflettere e discutere su come siano stati raggiunti importanti traguardi e quali siano ancora da raggiungere.

AllegatoDimensione
PDF iconil-sessantotto-versilia-e-oltre.pdf260.7 KB

Sito curato da Tartarelli Simone A.T. dell'I.I.S. Chini Michelangelo su modello rilasciato da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia. br> Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal