Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Celebrazione del 25 aprile: "Fascismi di ieri e di oggi"

Contenuto in: 
Tags: 

Dodici classi del nostro Liceo hanno partecipato alla giornata di riflessione sul 25 aprile, tenutasi ieri, ultimo giorno di scuola prima delle vacanze pasquali, al cinema Borsalino di Camaiore. La giornata è stata organizzata in collaborazione con la Presidenza del Consiglio Comunale e l'Anpi di Camaiore, con il contributo scientifico dell'Istituto Storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Lucca e del Museo multimediale della Resistenza di Fosdinovo. 
Dopo i saluti istituzionali tenuti da Andrea Favilla, Presidente del Consiglio Comunale, la mattinata è stata aperta dal prof Andrea Ventura, direttore dell'Isreclu nonché curatore insieme a Gianluca Fulvetti del volume Antifascisti lucchesi, che ha introdotto i ragazzi ai temi della guerra fascista e dell'antifascismo, con un focus particolare sul nostro territorio. È poi seguita la proiezione del docufilm "Breve storia del partigiano Carlin", inviatoci espressamente per l'occasione dagli Archivi della Resistenza di Fosdinovo, che narra la storia del giovanissimo Nello Masetti che ha combattuto sulle Apuane e ha perso la vita solo due giorni prima della liberazione di Sarzana. Quindi il prof Roberto Rossetti, responsabile della didattica dell'Isreclu, ha parlato ai ragazzi della nuova galassia dei movimenti neofascisti presenti oggi in Italia, con riferimenti significativi anche ai loro linguaggi e alle loro musiche. 
Le classi hanno poi visto due lavori multimediali ("Lo sterminio dei Rom e Sinti" e "Ernst Lossa"), realizzati dalla 4al sul tema dei Rom. Perché come ha detto Alessia, una delle autrici, "Oggi noi siamo qui per ricordare che i diritti di cui parla la nostra Costituzione figlia della Resistenza non sono solo diritti di alcuni, ma sono DIRITTI UMANI. Sono diritti che appartengono a tutti, per il semplice fatto di essere nati."
Infine Andrea Favilla ha annunciato la deliberazione ufficiale appena presa dalla Giunta, che si teneva in contemporanea nella mattinata: le 11 ragazze che con i loro lavori sulle "memorie dimenticate" si sono classificate rispettivamente al primo posto ("Omocausto"), al secondo posto (Donne e fascismo"), al terzo posto ("Donne nei lager") partiranno a maggio per Salisburgo, Hallstatt, Gusen, Hartheim e Mauthausen. 
La mattinata si è conclusa con l'intervento del dottor Santino Spinelli, in arte Alexian, ambasciatore dell'arte e della cultura romanì nel mondo, docente universitario di romanologia, musicista, compositore, saggista e poeta. Sua è la poesia "Auschwitz" incisa nel Memoriale di Berlino che ricorda lo sterminio dei cosiddetti "zingari" e che sorge non lontano dal Reichstag, memoriale inaugurato da Angela Merkel nel 2012. L'intervento di Spinelli era volto ad evidenziare il sacrificio e le sofferenze subite dal popolo Rom, la cui discriminazione continua tuttora sotto forme diverse. Egli ha anche suonato e coinvolto i ragazzi. Insieme a lui tutti noi abbiamo cantato alcune parole dell'inno rom "Gelem gelem" e abbiamo fatto la ola della pace.
I diversi interventi sono stati introdotti dalle ragazze della 5asu Clelia, Martina, Noemi, Rachele e Lisa, che hanno presentato ai loro compagni l'attività scientifica degli ospiti presenti.


 

Sito curato da Tartarelli Simone A.T. dell'I.I.S. Chini Michelangelo su modello rilasciato da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia. br> Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal